Bflows entra nel Fintech District

Avatar Giovanni Runchina

·

La fintech che ha sviluppato “Paghiamoci” è tra i nuovi ingressi nella prestigiosa community che vanta oltre 100 startup e molteplici collaborazioni con istituzioni pubbliche, investitori, università e aziende.

Bflows – azienda fintech che ha sviluppato “Paghiamoci” – entra nel Fintech District, hub di riferimento per il fintech italiano. Una porta d’accesso all’ecosistema di settore che conta su una rete già consolidata e in continua espansione fatta di oltre 100 startup e di collaborazioni con: istituzioni pubbliche, investitori, professionisti, hub di innovazione internazionali, università e aziende.

Il distretto, creato nel 2017 da SellaLab, piattaforma di innovazione per startup e aziende corporate del Gruppo Banca Sella, e da Copernico la piattaforma di spazi di lavoro che promuove lo smart working, ha sede a Milano nel cuore del suo distretto finanziario.

Un luogo nel quale gli operatori del fintech presenti in Italia possono conoscersi e instaurare collaborazioni a vari livelli (commerciale e industriale) e cogliere l’opportunità di attrarre nuovi investimenti.

Ma anche uno spazio che rappresenta occasione di crescita per tutto il tessuto imprenditoriale italiano attraverso l’open innovation, momenti di incontro, di condivisione di buone pratiche, messa in comune di servizi e competenze, avvio di nuove partnership e organizzazione di eventi per l’educazione finanziaria.

L’adesione al Fintech District consente l’ingresso in un network in continua espansione che mette a disposizione strumenti, formazione e opportunità di crescita industriale e strategica, e consente inoltre di poter stabilire preziose relazioni con associazioni internazionali e istituzioni finanziarie partner del distretto.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *